[gif - 8,932 bytes] éupolis
Rete delle piccole Citta`

Il luogo dell'infinità, della complessità e dell'unità

La Rete delle piccole città è certo fatta di piccole cose, di mille piccoli atti, e iniziative, e operazioni intraprese e da intraprendere con tutta la definita misura di ciò che "viene dal basso" e in qualche modo pretende di ripartire da zero, poiché ciò che si trova davanti è il risultato distorto della prevaricazione della smisurata quantità che è il connotato strutturale della civiltà-progresso contemporanea.

E' una rete che raccoglie una infinità di piccoli pesci che animano l'immenso spazio reale riappropriandosene a dispetto dei grandi pesci da preda che, occupando con la loro mole vorace acqua aria terra ed anche fuoco, hanno sempre realizzato finora, e in crescendo, un monopolio vitale atroce e insopportabile. Ma questa "piccolezza" non è altro che il senso della misura e della complessità: per cui le piccole cose hanno da essere situate, debbono identificare il proprio campo nella sua figura radicalmente alternativa.
E ciò non accade senza teoria, senza approfondimento teoretico.

[gif - 17,128 bytes]

Non sembra ci sia oggi situazione più propria, cioè più adatta a questa reciprocità dinamica tra teoria e prassi, che un territorio in cui l'idea stessa della socialità passa attraverso l'appropriazione personale di ogni rapporto - e fisico e umano: tale è la piccola città. Ma, esemplarmente, non c'è luogo più esposto a rischio di estinzione di questo medesimo territorio.

rete@www.see.it


go to
éupolis

per conoscersi [go to HomePage] per farsi conoscere

contact@www.see.it