[gif - 8,932 bytes] éupolis
Rete delle piccole Citta`

Dallo Statuto al Progetto

di Pietro M. Toesca

Novità e alterità

E' tempo di fare una precisazione sul concetto di novità.

Non occorre essere "vichiani" ortodossi per osservare che il ritmo della storia ripropone quasi a spirale opportunità apparentemente estinte, in realtà soltanto compiute perché le esigenze in vista delle quali si sono realizzate si sono trovate di fronte a qualche altro bisogno o possibilità fortemente emergente e a cui non hanno saputo direttamente provvedere.

E neppure occorre essere "nietzschiani" estremisti per convincersi che la circolarità del ritorni storici è legata a quelle esagerazioni dei processi di sviluppo (diciamo, in qualche modo, al progresso) grazie a cui la ricerca e la costruzione umana si semplifica e, facendosi univoca, trascura e violenta la complessità della vita che, perciò, si erge polemicamente e drammaticamente in certi grandi momenti di passaggio storico.

Quando noi cerchiamo un nuovo modello di sviluppo non pensiamo certo di dover procedere alla cieca e comunque.

Abbiamo due precisi referenti che ci permettono di intravvedere questa novità per un lato come rinnovamento per l'altro come alternativa e trasformazione totale.

Il passato e il presente debbono essere fatti reagire in vista del futuro.

[gif - 16,309 bytes]L'uomo ha accantonato come ormai inservibili preziose esperienze di organizzazione storica; e si trova poi sprovveduto e nudo con le sue esigenze, riscoperte ma insoddisfatte, di fronte al grande monumento della realtà data, quello che si chiama il mondo contemporaneo.

Contemporaneo a chi?
A noi, che viviamo oggi: ma l'inganno dell'aggettivo (che da semplice connotazione temporale passa a segnare il valore del culmine raggiunto dal progresso) non copre l'impossibilità di appropriarci davvero del "nostro" tempo.

Le disfunzioni, le tragiche riduzioni, soprattutto le conseguenze drammatiche di scelte a cui la giustizia e il bisogno universale non fanno certamente da faro direzionale, ci costringono a respingere nella pura contemporaneità quella che vorrebbe essere la reciprocità tra il dato e il nostro livello di consapevolezza e di giudizio.
Cosicché nuovo significa prima di tutto altro, radicalmente, globalmente altro.

La radicalità, la globalità dell'alternativa sono la condizione del cambiamento reale e non gattopardesco.

Lo scorcio del nostro secolo ha conosciuto le contrapposizioni apparentemente più estreme, quali versanti invece di una medesima logica; ma ha conosciuto pure la ricerca e, qualche volta, la proposizione di autentiche contrapposizioni.
Si può dire che gli anni sessanta/settanta hanno contraddizioni la fine della grande esperienza occidentale con l'esplosione degli estremi apparenti, ma anche della consapevolezza più chiara e sincera delle condizoni radicali del cambiamento.

Forse il principale elemento di questa consapevolezza è dato dalla rappresentazione del rapporto tra cultura e politica, tra teoria e prassi.

Vero è che il grande sapere estensivo ha cambiato la conoscenza del mondo, ribaltando, in molti casi, convinzioni antiche e durevoli, paradigmi sperimentati. Ma la quantità è costituita soprattutto dalla moltiplicazione e dall'accumulo, e tale conoscenza, mentre sembra, ed anche pretende di, esaurire i significati e le connessioni infinite delle cose, dichiara pure, raggiungendo i suoi punti estremi e producendo estreme conseguenze, la propria inadeguatezza a comprendere il diverso se non assimilandolo e riducendolo a univoci criteri.

Il criterio della complessità, cioè della qualità dialetticamente rimandante, si presenta già anche astrattamente come risolutivo e autenticamente alternativo.

Il sistema delle piccole città dell'Italia centrale appare così concretamente come un esempio che la storia offre all'esame, non solo curioso, ma interessato, odierno: il sistema della complessità rimandante, dove ciascuna versione riproduce sì le medesime esigenze e soluzioni, ma riconducendole non ad altro che alla soggettività creativa di ciascuna comunità.

Questo referente creativo ad un tempo di invenzioni estetiche (cioè culturali, significative) e di scelte funzionali (cioè politiche, costruttive) è oggi assolutamente introvabile.
E questo significa astrattezza della cultura e assenza democratica della politica.

La nostra ricerca, utopica e dunque provocatoria, è volta all'identificazione di questi nuovi protagonisti, per metterli in grado di appropriarsi e del pensare e dell'agire, della comunicazione come relazione e non puro trasporto di informazione, e di un fare che non discenda dalla prevaricazione della volontà più o meno maggioritaria (e come tale lievitata) ma da un confronto che accontenti sempre la parte di tutti.

La ricerca attiva della trasformazioneLa città utopica
L'autoanalisi della cittàNovità e alterità
La solitudine e il confrontoIl luogo pubblico
Un luogo per decidere L'utopia della libertà


per conoscersi [go to HomePage] per farsi conoscere

contact@www.see.it