Le gemme e la loro influenza


Le gemme hanno esercitato un fascino notevole sull'uomo negli ultimi sette millenni. Le prime ad essere scoperte furono l'ametista, il cristallo di rocca, l'ambra, la granata, la giada, il diaspro, il corallo, i lapislazzuli, la perla, il serpentino, lo smeraldo ed il turchese. Queste pietre erano riservate all'alta borghesia e ne rappresentavano l'elevato ceto sociale. Sebbene ancora oggi una gemma incastonata in un monile d'oro o di platino costituisca una dimostrazione di ricchezza, generalmente i gioielli sono acquistati soprattutto per piacere personale e per la loro bellezza.

Inizialmente, quando vi era una scarsa cognizione scientifica, le gemme erano avvolte da un'aurea di mistero quasi spirituale ed è per tale motivo che spesso si presentavano sotto forma di amuleti e talismani.

Era credenza comune, infatti, che essi potessero
offrire protezione da fantasmi ed
attirare favori delle entità angeliche e dei santi sugli esseri umani.

Acquamarina
Acquamarina

Intorno all'inizio del XIX secolo le gemme, talvolta, erano usate come medicine contro le malattie e ciò poteva avvenire in tre modi diversi:

  • o la loro semplice presenza era sufficiente a scongiurare la malattia,
  • oppure la gemma veniva collocata sulla parte malata del corpo
  • o, ancora, si riduceva in polvere la gemma e la si ingeriva.

I successi ottenuti con questi sistemi non erano dovuti direttamente all'uso delle gemme, quanto piuttosto all'effetto suggestivo che esse sortivano sul malato. I fallimenti venivano poi giustificati imputandoli all'impurezza della gemma adottata.

Ancora oggi in Giappone trova impiego medicamentoso
l'uso delle tavolette di calcio estratte dalle perle polverizzate.

Spinello
Spinello

Come conseguenza naturale ai presunti poteri soprannaturali attribuiti alle gemme, ad esse furono assegnati anche dei significati astrologici e quindi furono altresì allineate secondo i simboli zodiacali.

Scopri la pietra del tuo segno zodiacale.

Topazio
Topazio

Inoltre, le gemme possiedono anche una collocazione
ben salda nel moderno sistema religioso. Non a caso esse adornano le tiare e le mitre di personalità papali e vescovili, come pure gli ostensori, i reliquari e le icone presenti nelle chiese di culto cristiano. In ogni caso, attualmente, la gemma è scevra da qualsiasi significato simbolico ed estetico ed è spesso considerata unicamente come investimento economico.