Sherlock Holmes Arthur Conan DOYLE

Quando Doyle incomincio' a scrivere?

Verso il volgere al termine dell'anno 1880 Doyle torno' in patria dopo aver navigato, in Antartide, sulla baleniera Hope. Qui aveva curato i saltuari malanni della ciurma, era caduto piu' volte in mare ed aveva persino imparato a fare il ramponiere.

Aveva avuto modo di raccappricciarsi per la caccia (ed il conseguente massacro) delle foche, ma si era esaltato nei momenti di caccia alla balena.

Al suo rientro, dovendo contribuire al sostentamento della propria famiglia, riprese gli studi ad Edimburgo.


[gif - 11,468 bytes] Nel contempo cerco' lavoro come assistente medico, lavoro che trovo' presso lo studio del dottor Hoare, di Birmingham.
Qui compilava ricette dietro compenso di due sterline al mese.
Proprio per arrotondare questo magro stipendio, inizio' a scrivere racconti, anche se con ben poche soddisfazioni economiche.
L'anno successivo, era il 1881, per migliorare la propria posizione finanziaria, accetto' di spostarsi a Bristol dall'amico George Budd, un tipo "bizzarro, esuberante ed esplosivo" che si era laureato un anno prima e che gli aveva telegrafato dicendogli di raggiungerlo immediatamente in quanto aveva bisogno di lui.
In effetti il bisogno che aveva era ben superiore alla semplice collaborazione professionale.
Trovo', infatti, il compagno di studi alloggiato, con la propria moglie, in una lussuosa casa, ma con solo quattro clienti al suo attivo ed una marea di debiti alle spalle.

L'urgenza della presenza di Arthur era per fargli firmare un bel mucchietto di cambiali: fini' a pugni!
Dopo questo primo approccio, Budd propose all'amico un piano alternativo per aiutarlo ad uscire dalla tribolata situazione in cui si era cacciato. Doyle avrebbe dovuto simulare un "accesso" davanti a casa sua o, meglio ancora, fingersi morto affinche' lui potesse resuscitarlo e diventare cosi' famoso e con molti clienti.
Doyle non accetto', ma se ne torno' a Birmingham. Non dimentico' tuttavia questa sua avventura, che anzi gli fu da stimolo per la stesura del divertente racconto "La clientela di Crabbe" (pubblicato nel 1884 sul "Boy's Own Paper").

Consegui' il "bachelor" in medicina alla fine del 1881 e si imbarco' nuovamente; questa volta facendo rotta verso l'Africa occidentale su una nave, la Mayumba, che raccoglieva olio di palma.
A Lagos si ammalo' di febbre costiera, poi sopravvisse all'incendio della nave, ed infine riusci' a tornare a casa, dove, nella primavera del 1882 venne nuovamente contattato dal dottor Budd che lo invitava a raggiungerlo presso il suo nuovo studio di Plymouth.
Anche se dubbioso, Doyle cedette alle insistenze dell'amico ed il sodalizio duro' per un po. Ebbe a disposizione un piccolo studio e riusci' a farsi qualche cliente proprio, ma l'eccentricita' e l'irascibilita' del suo ospite fecero si' che tutto cio' terminasse presto. "La gente vuol farsi visitare da me", gli rinfaccio' Budd, "ma appena vede due targhe mediche teme di essere mandata da te, e cosi' rinuncia".
Promettendo di inviargli una sterlina alla settimana riusci' a buttare Doyle fuori casa ed a fare in modo di convincerlo ad aprire un proprio studio. Cosi' Arthur, nel luglio del 1882, si trasferi' a Southsea.
Per inciso i soldi di Budd non arrivarono mai, e Doyle, trovandosi in sempre maggiori difficolta' economiche, si concentro' con accanimento sull'attivita' letteraria.

E poi ancora...

1 - Ma Watson?
2 - Quando Doyle...
3 - Quando nacque Holmes?
4 - E poi?
5 - Perche` Doyle uccise?
6 - Doyle Uomo
[go to HomePage] <-A. C. Doyle
testi a cura di Adelio Schieroni - copyright See.it