Teotropia
Divagazioni sul mistero
a cura del cap. d. m. Emilio Giuliano Bacigalupo
[gif - 21,999 bytes]

Opinioni raccolte e suggerite per riflettere
Mind, Energy and Civilization



Questo titolo doveva sintetizzare il contenuto di un articolo pubblicato nel marzo 2003 dalla rivista dei Paolini: ritenuto incomprensibile dalla redazione venne tolto; e sempre a mia insaputa sostituito da una frase che colpevolizzava la scienza di varie negatività, mentre é ben noto essere talvolta la tecnologia imputabile di risultati erronei.
Detto ciò confermo in questo titolo inconsueto la personale idea di una regia superiore operante dalla notte dei tempi sino al giorno di un giudizio universale. Nel precedente articolo "IdeAzione" - quarto quadrante cartesiano — ho traguardato il vocabolo teotropico con il vocabolo entropico, questo termine noto in Fisica e oltre.
In Termodinamica il rapporto tra Entalpia (valore calorifico della materia) e Temperatura Assoluta (espressa in gradi Kelvin) in ogni scambio termico determina Entropia. Data l'irreversibilità del processo naturale, il livello qualitativo scende, a parità di quello quantitativo, per cui cresce la risultante verso un massimo conclusivo in un futuro distante.
Forzando il parallelo etimologico, il culmine teotropico potrebbe coincidere con quello entropico verso un nulla cosmico.
La Creazione é stata retrodatata di alcuni miliardi di anni, secondo recenti osservazioni di potenti radiotelescopi mirati alle più lontane stelle. E nessuno vieta di ritenersi oggi nel bel mezzo evolutivo dell'umanità, così da estendere in un'altrettanta temporabilità la conclusione del mondo.
Preconizza infatti San Paolo apostolo (prima lettera ai Corinzi, 15-24): "Quindi verrà la fine, quando Cristo riconsegnerà il Regno a Dio Padre dopo aver distrutto tutto sino all'ultimo nemico, la morte".
Nel frattempo ognuno di noi, indipendentemente dal proprio Credo, potrebbe preoccuparsi dell'Entropia personale, ricordando i noti moniti del passato: "estote parati" (tieniti pronto) e "memento mori" (ricordati che devi morire).
Al riguardo, in un contesto di fede dialettica — metafora di sofferta maturazione - ho così pubblicato sul sito: "Pensanti e Speranti" "Chi ama la sua vita" "Il Tempo e il Tempio".
E il pur grande Blasie Pascal consigliava (con debole coraggio) la scelta religiosa della sua famosa “scommessa".
Fortemente caratteristica la presentazione delle umane Vanità: autore un professionista egregiamente realizzatosi nel settore della Fisica applicata. Adesso riflessivo sulla morte dopo un'esistenza umanamente - cioé come per tutti - percorsa da tentazioni materiali e debolezze spirituali. Questa sua "avventura terrena" é costellata da dotte citazioni e poi il libro [bibliografia a fine testo: l] mostra inquietanti illustrazioni artistiche contaminanti la realtà conosciuta.
Ritornando nel campo a me congeniale rammento un altro trittico, tre titoli: "La Madre di tutte le Energie" "Patto e Impatto" "L'Entropia dell'Uomo". Rispettivamente: la genesi di ogni costruzione richiede energie incorporate a monte, da cui l'inglesismo "emboded energy = Emergie". L'impronta energetica rappresenta l'impatto antropico che sta superando il limite accettabile dalla natura; quindi un divenire a rischio per i posteri del nostro pianeta. Nella commemorazione dello scienziato premio Nobel, ritenuto il padre dell'entropia, riflettevo sulla spiritualità insita in questa disciplina culturale evocante una fede teotropica.
Infine, a proposito dell'articolo di undici anni fa, ne riprendo alcuni riferimenti bibliografici [2-7] per proporre la correlazione scientifica/filosofica/religiosa.
Da qui, e non solo, il fascino misterioso e finalistico della Teotropia.


Immagine tratta dal mio precedente articolo: "IdeAzione" © tutti i diritti riservati

IdeAzione



Bibliografia di riferimento:

[l] le VANITAS, Giorgio Bernasconi (Ingegnere)
[2] Per morire vivendo, Ferruccio Antonelli (Sociologo)
[3] De brevitate vitae, Seneca (Stoico-Storico)
[4] Dio e la Scienza, Jean Guitton (Teologo)
[5] Dio e la nuova Fisica, Paul Davies (Matematico)
[6] Entropy, Jeremy Rifkin (Sociologo, Economista)
[7] Entropia e Arte, Rudolf Arnheim (Psicologo)




www.seeandlisten.it/opinioni/egb101.html

"Teotropia" all rights reserved - 23 settembre 2014
© Copyright 2014 to tomorrow - Emilio Giuliano Bacigalupo


contact@seeandlisten.it

Leggi ...altre Opinioni di Emilio Giuliano Bacigalupo Bacigalupo